Riunifichiamo il paese in modo indipendente e pacifico attraverso la grande unità della nazione

 



KIM JONG IL



RIUNIFICHIAMO IL PAESE IN MODO INDIPENDENTE E PACIFICO ATTRAVERSO LA GRANDE UNITÀ DELLA NAZIONE



Lettera al simposio nazionale in ricorrenza del 50° anniversario della storica Conferenza dei rappresentanti dei partiti politici e delle organizzazioni pubbliche del nord e del sud della Corea


18 aprile Juche 87 (1998)




Recentemente abbiamo osservato il 5° anniversario della pubblicazione del Programma in dieci punti della grande unità di tutta la nazione per la riunificazione del paese e presto saluteremo il 50° anniversario della storica Conferenza dei rappresentanti dei partiti politici e delle organizzazioni pubbliche del nord e del sud della Corea.

La conferenza congiunta nord-sud, proposta dal grande Leader compagno Kim Il Sung, e tenutasi sotto la sua direzione a Pyongyang nell'aprile Juche 37 (1948), è stato un evento di portata storica nazionale, per rendere sicuro il destino del paese e della nazione, attraverso la realizzazione della grande unità dell'intera nazione sotto la bandiera della riunificazione e del patriottismo. In quel periodo, il pericolo era che la divisione della nazione potesse essere perpetrata a causa delle macchinazioni degli imperialisti statunitensi e dei loro tirapiedi che stavano tentando di indire “elezioni separate” e instaurare un “governo separato” in Corea del Sud. Il grande compagno Kim Il Sung convocò la conferenza congiunta nord-sud, che riuscì a riunire partiti politici e gruppi differenti così come le forze patriottiche di diversi settori della popolazione del nord e del sud, rendendo un notevole servizio alla nobile causa della realizzazione della sovranità, dell'indipendenza e della riunificazione del paese.

Nella situazione politica estremamente complessa degli anni immediatamente successivi alla liberazione, i rappresentanti di quasi tutti i partiti politici e delle organizzazioni pubbliche inclusi i nazionalisti anticomunisti della Corea del Sud, fatta eccezione per un pugno di traditori della nazione, parteciparono alla conferenza nazionale. I partecipanti raggiunsero un accordo unanime e diedero il via a una lotta patriottica su scala nazionale. Questo fu un brillante successo della politica del grande Leader, la politica della riunificazione nazionale indipendente, e della sua idea della grande unità nazionale. Questa fu anche la prima vittoria storica delle forze patriottiche sulla via della riunificazione. La conferenza congiunta nord-sud di aprile mostrò chiaramente che i comunisti, i nazionalisti e varie altre forze politiche assieme a diversi settori della popolazione possono unirsi per la causa nazionale comune nonostante le differenze nell'ideologia, negli ideali, nella visione politica e nel credo religioso. La conferenza congiunta dimostrò anche che la riunificazione indipendente e pacifica del paese può essere realizzata attraverso l'armonia tra il nord e il sud e attraverso l'unità dell'intera nazione. La conferenza congiunta nord-sud poté realizzarsi grazie ai meticolosi sforzi del grande Leader e alla sua direzione. Essa verrà ricordata per sempre come una conferenza patriottica a dimostrazione della grande unità della nostra nazione. In occasione del suo 50° anniversario, la conferenza e tutte le sue conquiste devono spingere tutti i coreani del nord, del sud e all'estero a lavorare con maggior forza, con entusiasmo, fiducia e coraggio per l'unità e per la riunificazione della nazione.

Il grande Leader compagno Kim Il Sung ha chiarito la questione nazionale sotto una nuova luce sulla base dell'idea Juche sin dal principio, avanzando l'idea originale della grande unità nazionale e applicandola brillantemente attraverso la lotta per la liberazione nazionale, la costruzione di un nuovo Stato e la riunificazione del paese, fornendo un nobile esempio di grande unità nazionale.

L'idea del grande Leader sulla grande unità nazionale incoraggia tutte le classi della società a unirsi solidamente per salvaguardare e realizzare l'indipendenza nazionale mettendo prima di ogni altra cosa il desiderio comune e gli interessi della nazione, indipendentemente dalle differenze di ideologia, ideali, visione politica e credo religioso, strato e posizione sociale.

L'idea Juche chiarisce, per la prima volta, la legge dello sviluppo della nazione e la base dell'unità nazionale. Il paese e la nazione sono la casa del popolo e l'unità di base dove il popolo forgia il proprio destino. Da quando il popolo vive e plasma il suo destino all'interno dell'unità dello Stato-nazione, il destino dei membri della nazione è inseparabilmente legato al destino della nazione e la questione basilare della costruzione del destino della nazione si riconduce alla salvaguardia e alla realizzazione dell'indipendenza nazionale. Nessuno può vivere al di fuori del suo paese e della sua nazione, e nessuna classe e nessuno strato della nazione può forgiare adeguatamente il proprio destino senza che sia garantita l'indipendenza della nazione. Una nazione ha i suoi propri tratti che si sono formati e consolidati nella storia così come dei desideri e degli interessi comuni che trascendono le differenze di classe e di ceto. I tratti nazionali e gli interessi comuni costituiscono la base dell'unità nazionale su cui si innestano le varie classi e i vari strati della nazione in un'ampia cornice. L'idea del grande Leader sulla grande unità nazionale è una concezione profonda dell'indipendenza nazionale, un nobile concetto di patriottismo e di unità nazionale quanto più ampia, in una parola, un'applicazione dell'idea Juche alla questione nazionale.

La questione dell'unità nazionale è quantomai fondamentale dati i tratti unici della nostra nazione e le caratteristiche dello sviluppo storico del nostro paese. La nostra nazione, una nazione omogenea con una storia e una cultura antichissime, è altamente patriottica e forte nel suo spirito collettivo. Ci fu un periodo nel passato, tuttavia, in cui la nostra nazione ebbe a soffrire la tragedia della perdita della propria sovranità a causa delle lotte di potere tra i governanti feudali corrotti e incompetenti e quale risultato dei loro atti di servilismo e di tradimento. Anche negli anni successivi, il movimento nazionalista e il primo movimento comunista giunsero al fallimento per via degli scontri frazionistici e del servilismo. L'idea del grande Leader sulla grande unità nazionale è un'idea eccezionale che mostra qual è il modo interamente corretto di preservare e mostrare al massimo livello l'eccellenza dei nostri tratti nazionali, mettendo fine alla vergognosa storia di sofferenze nazionali e conseguendo la sovranità e l'indipendenza del paese e la prosperità nazionale.

L'idea jucheana della grande unità nazionale concepita dallo stimato compagno Kim Il Sung, autore dell'idea Juche, ardente patriota e uomo di grande caratura e magnanimità, ha fornito alla nostra nazione una possente arma ideologica e spirituale per conseguire la grande unità dell'intera nazione e per forgiare in maniera indipendente il destino del paese e della nazione. L'idea jucheana della grande unità nazionale è un'idea originale che ha sollevato il problema della nazione e la questione dell'unità nazionale sotto una nuova luce e li ha chiariti approfonditamente, riflettendo la tendenza principale dei nostri tempi nei quali tutte le nazioni oppresse e i popoli di ogni paese hanno conquistato la libertà e l'indipendenza o si stanno muovendo verso l'indipendenza. È una grande idea che ha fornito ai popoli del mondo una giusta linea direttrice. È la bandiera della lotta per la vittoria nella causa dell'indipendenza antimperialista. L'illustrazione, da parte dello stimato Leader, della teoria jucheana della nazione e dell'idea della grande unità dell'intera nazione, che hanno dato un nuovo chiarimento scientifico alla questione della nazione e a quella dell'unità nazionale, costituisce uno dei suoi più grandi successi ideologici e teorici, oltreché un contributo eminente all'indipendenza globale e alla causa dell'indipendenza dell'umanità.

Il grande Leader compagno Kim Il Sung non solo ha proposto l'idea della grande unità nazionale sulla base dell'idea Juche, ma anche lavorato con gran fatica per tutta la vita per l'unità della nostra nazione. Durante la lotta rivoluzionaria antigiapponese il grande Leader ha unito tutte le forze patriottiche di ogni ceto sotto la bandiera della resistenza al Giappone e ha guidato la lotta di liberazione nazionale antigiapponese alla vittoria. L'Associazione per la Restaurazione della Patria, fondata in questo periodo, fu il fronte unito nazionale antigiapponese che incluse le maggiori forze patriottiche: i comunisti, i nazionalisti, gli operai, i contadini, gli intellettuali, i giovani, gli studenti e anche i religiosi e i capitalisti coscienziosi; questa organizzazione mise profonde radici in vaste aree in patria e all'estero. Nel corso della giusta lotta di tutte le forze patriottiche antigiapponesi per la liberazione nazionale sotto la direzione del grande Leader, si ottennero esperienze preziose nella conquista dell'unità nazionale e si istituirono delle buone tradizioni in quest'opera.

Dopo la liberazione il grande Leader lanciò la consegna: «L'intera nazione deve unirsi, coloro che hanno la forza, la dedichino alla patria; coloro che hanno l'istruzione, la offrano alla patria; coloro che hanno denaro, lo diano alla patria per la costruzione di un paese nuovo» e incoraggiò le genti di ogni strato della società che amassero il paese e la nazione a mobilitarsi all'unisono per la costruzione di uno Stato democratico, indipendente e sovrano.

A causa della divisione territoriale e nazionale, la grande unità dell'intera nazione divenne la questione più seria e urgente, d'importanza vitale per i destini del paese e della nazione. Sin dai primi giorni della divisione nazionale il grande Leader ha diretto saggiamente la lotta per conseguire la grande unità nazionale sotto la bandiera della riunificazione nazionale e ha così fatto evolvere il movimento per la riunificazione in un movimento di tutta la nazione. Egli aprì la via ai dialoghi e ai negoziati tra il nord e il sud, fino ad allora ermeticamente chiusi l'uno verso l'altro, e avanzò i tre principi della riunificazione nazionale (indipendenza, riunificazione pacifica e grande unità nazionale), gettando in tal modo delle solide fondamenta per l'unità e la riunificazione nazionali. Diresse i vari strati di nostri compatrioti nel nord, nel sud e all'estero lungo il cammino patriottico verso l'unità e la riunificazione nazionali.

Il Programma in dieci punti della grande unità di tutta la nazione per la riunificazione del paese, scritto dal grande Leader negli ultimi giorni della sua vita, è la sintesi della sua idea di grande unità nazionale e della sua esperienza pratica, nonché un documento immortale per la grande unità nazionale. Questo programma illustra i principi fondamentali e la base ideologica da mantenersi nella conquista della grande unità nazionale e i compiti e i metodi per applicarli.

L'idea della grande unità nazionale, il programma in dieci punti della grande unità di tutta la nazione avanzati dal grande Leader, la preziosa esperienza che ha maturato nel suo lavoro per l'unità nazionale e i brillanti risultati dei suoi servizi meritori sono la ricchezza eterna del nostro paese e della nostra nazione e la solida base della grande unità e della riunificazione nazionali. Conseguire la grande unità nazionale e riunificare il paese nella nostra generazione difendendo ed ereditando fedelmente la grande idea di unità nazionale, le gesta eccelse, l'esperienza preziosa e le tradizioni lasciateci in eredità dal grande Leader è la nostra incrollabile determinazione, la nostra fede.

In base all'idea del grande Leader sulla grande unità nazionale e al suo programma in dieci punti della grande unità di tutta la nazione, noi dobbiamo lavorare per la grande unità di tutti i coreani nel nord, nel sud e all'estero e conseguire la riunificazione indipendente e pacifica del paese tramite gli sforzi uniti della nazione.

La nostra nazione è la forza motrice della riunificazione nazionale, il che significa riconnettere i legami di sangue recisi tra il nord e il sud e realizzare l'unità nazionale. Senza riconciliazione tra il nord e il sud e senza grande unità nazionale, la riunificazione indipendente e pacifica del paese sarebbe inconcepibile. La grande unità di tutta la nazione significa riunificazione nazionale. Oggi, la grande unità della nostra nazione e la riunificazione nazionale sono divenute una questione più urgente che mai. In vista della situazione interna ed esterna, degli interessi fondamentali della nostra nazione e della tendenza dei tempi, è giunto il momento per noi di salvare i destini del paese e della nazione attraverso la grande unità di tutta la nazione e di dimostrare la dignità e l'onore di un paese riunificato e di una nazione unica.

Mettere fine alla tragedia della divisione territoriale e della scissione nazionale durata più di mezzo secolo e conseguire l'unità nazionale e la riunificazione del paese sono le esigenze vitali e i compiti supremi della nazione che non devono più essere rimandati. Più a lungo la divisione permane, maggiori sarebbero le sciagure e le sofferenze della nostra nazione, e maggiore sarebbe anche il rischio che la nostra nazione diventi eterogenea. Ulteriore sfiducia e scontri tra il nord e il sud potrebbero generare una catastrofe nazionale. Le forze straniere, che non vogliono la riunificazione della Corea, alimentano adesso l'ostilità tra il nord e il sud nel tentativo di pescare in acque torbide; gli imperialisti vanno intensificando le loro trame di dominio mondiale col pretesto della “globalizzazione”. Se il nostro paese rimane nell'ostilità, diviso tra il nord e il sud, in una situazione così complessa e minacciosa come quella di oggi, la nostra nazione non potrebbe liberarsi dal dominio e dal soggiogamento stranieri, starebbe alla mercé delle forze straniere e potrebbe essere ridotta alla schiavitù coloniale. Nessuno che abbia un'anima coreana può chiudere gli occhi dinanzi all'unità e alla riunificazione nazionali. Cercare di tirare per le lunghe la soluzione al problema della riunificazione, voltandogli le spalle, equivale a un tentativo di perpetuare la divisione. La nostra nazione deve superare tutte le difficoltà e gli ostacoli che sorgano sul cammino della riunificazione nazionale, conseguire quanto prima la grande unità della nazione e riunificare il paese. Noi siamo sicuri di poter riunificare il paese.

Non sono due nazioni diverse che si affrontano nel nord e nel sud della Corea, ma è una nazione unica sulla stessa terra che si trova artificiosamente divisa da forze straniere. La nazione coreana è una nazione omogenea che si è tramandata lo stesso sangue e ha vissuto sullo stesso territorio parlando la stessa lingua per migliaia di anni. Tutti i coreani nel nord, nel sud e all'estero appartengono alla stessa nazione col sangue e lo spirito della nazione coreana e sono inseparabilmente legati dagli stessi interessi nazionali e da psicologia e sentimenti nazionali comuni. Nessuna forza potrà mai scindere in due per sempre l'unica nazione coreana che si è formata e sviluppata attraverso una lunga storia, né potrà mai estinguere la nostra nazione e i suoi tratti nazionali.

L'attuale divisione del nostro paese in nord e sud è una sciagura temporanea, una tragedia nel contesto dei suoi 5000 anni di storia. La riunione della nostra nazione, divisa dalle forze straniere, è una tendenza inevitabile della sua storia e delle leggi dello sviluppo nazionale.

Nel passato, gli imperialisti giapponesi fecero ricorso a ogni manovra possibile per annientare la nostra nazione, occupare il nostro paese e attuare il dominio coloniale più atroce. Tuttavia, i rivoluzionari e i patrioti coreani lanciarono una lotta all'ultimo sangue per salvare il paese e la nazione e infine distrussero l'imperialismo giapponese e liberarono il loro paese. In seguito alla sconfitta dell'imperialismo giapponese, gli imperialisti americani hanno occupato la Corea del Sud spadroneggiandovi, calpestando la nostra sovranità nazionale e cercando con tenacia di mantenere divisa per sempre la nostra nazione. Ma lo spirito della nazione resta vivo tra i sudcoreani. Larghi strati della popolazione in Corea del Sud, in particolare giovani e studenti, continuano a combattere coraggiosamente contro il dominio delle forze straniere e il tradimento dei governanti sudcoreani. Questa è una dimostrazione dell'indignazione nazionale dei fratelli sudcoreani che resistono alla tirannia e all'umiliazione e dello spirito indistruttibile della nostra nazione.

La tendenza nazionale verso la riunificazione monta sempre più col passare dei giorni. Sarebbe impossibile infrangere o arrestare la volontà e il desiderio della nostra nazione di riunificare il paese attraverso la sua grande unità. Dobbiamo raddoppiare gli sforzi per conseguire la grande unità dell'intera nazione e la riunificazione indipendente e pacifica del paese, pieni di fiducia e ottimismo.

La grande unità nazionale deve basarsi interamente sul principio dell'indipendenza nazionale.

L'indipendenza nazionale è la linfa vitale di una nazione; salvaguardare l'indipendenza è una garanzia fondamentale per l'esistenza e lo sviluppo di una nazione. Soltanto aderendo al principio dell'indipendenza nazionale possiamo difendere i diritti e gli interessi nazionali, forgiare indipendentemente il destino della nazione conformemente alla volontà e alle esigenze della nostra nazione, esercitare appieno la nostra sovranità sull'arena internazionale e sviluppare le relazioni coi paesi stranieri sulla base dei principi di eguaglianza completa e mutuo beneficio. L'indipendenza nazionale è la fonte della dignità e dell'onore nazionali, dell'orgoglio e della fiducia in sé, nonché la volontà e lo spirito indomiti della nazione. Se una nazione perde la sua indipendenza e non riesce a sbarazzarsi del dominio e del soggiogamento da parte delle forze straniere, non sarà in grado di evitare umiliazioni e insulti e diverrà una nazione rovinata con diritti, interessi, tratti e dignità schiacciati.

Il principio dell'indipendenza nazionale è la chiave della questione nazionale e la base principale della grande unità di tutta la nazione. Esso richiede che la nazione combatta unita contro il dominio e il soggiogamento da parte delle forze straniere e per la sua indipendenza. La nostra lotta per la grande unità di tutta la nazione è appunto una lotta per conquistare la nostra sovranità nazionale in tutto il paese, una lotta per portare a compimento la causa della riunificazione nazionale con la nostra propria forza di nazione e assicurare lo sviluppo indipendente del paese riunificato e la prosperità comune della nazione.

Il principio dell'indipendenza nazionale è una pietra di paragone che distingue il patriottismo dal tradimento della nazione, la linea della riunificazione dalla linea della divisione. I proclami circa l'indipendenza e la riconciliazione e l'unità tra il nord e il sud mentre si persegue la politica della dipendenza dalle forze straniere altro non sono che parole al vento. Esattamente come il patriottismo è incompatibile col tradimento della nazione, così è incompatibile l'indipendenza nazionale con la dipendenza da forze straniere. Colui che desidera realmente la riconciliazione tra nord e sud, l'unità e la riunificazione nazionali deve seguire il cammino dell'indipendenza nazionale, non la via della dipendenza dalle forze straniere.

L'unità nazionale è sempre rivolta alla difesa e alla realizzazione dell'indipendenza nazionale; è inconcepibile parlare di unità nazionale separatamente dal principio dell'indipendenza nazionale. Soltanto conseguendo la grande unità di tutta la nazione sulla base del principio dell'indipendenza nazionale la nostra nazione potrà diventare davvero padrona del proprio destino, una potente forza motrice decisiva della riunificazione e della prosperità nazionali. Dobbiamo opporci categoricamente e rigettare il servilismo verso le grandi potenze e la dipendenza da forze straniere e conseguire la grande unità nazionale sulla base del principio dell'indipendenza nazionale.

L'intera nazione deve unirsi sotto la bandiera del patriottismo e della riunificazione nazionale.

Amare il proprio paese e la propria nazione e custodire i propri tratti nazionali sono la psicologia e il sentimento comuni dei membri della nazione. La nostra è una nazione dal forte carattere nazionale, che serba in cuore un amore ardente per il paese e i compatrioti e tesorizza e tramanda lo spirito nazionale. Lo spirito patriottico della nostra nazione e i relativi tratti formano una possente base ideologica e spirituale della grande unità di tutta la nazione. Inoltre, per la nostra nazione che ha sofferto ogni sorta di sventura e di dolori causati dalla divisione nazionale, la riunificazione è un'esigenza suprema e la bandiera della riunificazione è la bandiera della comune lotta nazionale e della grande unità di tutta la nazione. L'intera nazione deve conseguire la sua grande unità per la sua grande causa comune, sulla base dei tratti intrinseci della nazione coreana.

Vi è un'ampia gamma di differenze, tra cui quelle d'ideologia e di sistema, tra il nord e il sud che sono stati divisi per più di mezzo secolo. Tuttavia, la comunità nazionale è assai più grande di esse. Le esigenze e gli interessi delle varie classi e dei vari strati della nazione sono diversi gli uni dagli altri; ma il compito prioritario che sta di fronte alla nostra nazione oggi è la riunificazione e noi dobbiamo subordinare tutto alla causa della riunificazione. Se assolutizziamo le differenze d'ideologia e di sistema tra il nord e il sud e mettiamo da parte la comunità nazionale e gli interessi comuni della nazione, mettendo al centro gli interessi di singole classi e singoli strati, non potremo conseguire né la grande unità nazionale né la riunificazione.

Tutti i coreani nel nord, nel sud e all'estero devono unirsi strettamente sotto la bandiera del patriottismo e della riunificazione, a prescindere dalle loro differenze ideologiche, sistemiche, politiche e religiose e trascendendo gli interessi di classe e di strato. Tutti i membri della nazione (operai, contadini, intellettuali, giovani e studenti, la piccola borghesia urbana, i capitalisti nazionali, i politici, gli economisti, gli uomini di cultura, i religiosi e i soldati) devono combattere uniti per la riunificazione nazionale e rendere un contributo attivo a questa causa.

Includere e unire tutti coloro che serbano caro lo spirito della nazione e tutti coloro che amano il paese e la nazione, indipendentemente dalla loro ideologia e dal loro sistema, dalla loro classe e dal loro strato, per la grande unità di tutta la nazione, è il nostro risoluto atteggiamento, la nostra coerente politica. La nostra politica d'inclusione generale è la politica del nobile amore per l'umanità che accoglie chiunque con affettuosa sollecitudine. È la politica più magnanima e patriottica che unisce saldamente tutte le classi e gli strati per la causa comune del paese e della nazione. Continueremo invariabilmente ad attuare la politica d'inclusione generale sul cammino verso l'unità nazionale e la riunificazione del paese, ci uniremo con chiunque abbia una coscienza nazionale e aspiri alla riunificazione del paese e avanzeremo mano nella mano nella stessa fila per la riunificazione del paese. Coloro che hanno preso la strada sbagliata nel passato possono pentirsi del loro errore e intraprendere la via del patriottismo. In base al principio di non far domande sul passato, approcceremo con generosità coloro che ebbero a solcare un cammino sbagliato contro la nazione, ma che ora si pentono dei loro errori e cercano di contribuire alla causa della riunificazione nazionale, e avanzeremo con loro in questa direzione. Ci uniremo anche con persone delle classi altolocate al potere, con personalità dei partiti di governo e di opposizione, con grandi capitalisti e generali sotto la bandiera della grande unità di tutta la nazione, se danno peso agli interessi comuni della nazione e vogliono la riunificazione del paese.

Una volta creati legami, collaboreremo con le persone non solo sulla via della riunificazione nazionale ma anche nella lotta per la prosperità del paese riunificato e apprezzeremo molto, in nome della nazione, coloro che avranno contribuito alla riunificazione.

Il nord e il sud devono migliorare i loro rapporti al fine di conseguire la grande unità della nostra nazione.

Sostituire i rapporti di sfiducia e antagonismo tra il nord e il sud con rapporti di fiducia e riconciliazione è un'esigenza pressante per l'unità e la riunificazione nazionali. Le autorità sudcoreane susseguitesi hanno ostacolato l'armonia tra il nord e il sud con la loro politica di inimicizia contro il nord, la quale considera i compatrioti come nemici e fomenta ostilità e discordia in seno alla nazione intralciando in ogni modo la grande unità della nazione. È questo l'impedimento al miglioramento delle relazioni tra nord e sud e all'unità nazionale. Se le autorità sudcoreane continuano a perseguire la politica ostile di inimicizia contro il nord sarà impossibile creare un'atmosfera di fiducia e riconciliazione tra il nord e il sud. Ciò aumenterà solo la tensione e porterà a conseguenze irrimediabili.

Fintantoché esistono diverse ideologie e diversi sistemi nel nord e nel sud, la negazione dell'ideologia e del sistema della controparte renderà impossibile evitare lo scontro. Il nord e il sud, sulla base del riconoscimento dell'esistenza di diverse ideologie e sistemi, devono creare armonia, promuovere un'esistenza e una prosperità condivise e i comuni interessi e aprire la via alla riunificazione nazionale.

Chiunque sia ostile ai compatrioti e persegua la politica ostile di inimicizia contro il nord col sostegno di forze straniere e in collaborazione con esse, sarà maledetto e condannato dal popolo e non potrà sfuggire al giudizio della Storia. Questo si può vederlo dalla brutta fine fatta dai vari governanti della Corea del Sud. Se le autorità sudcoreane non vogliono seguire il cammino dei loro predecessori, dovrebbero trarre una lezione dalla loro fine e risolversi a rompere col vetusto antagonismo verso il nord. Se le autorità sudcoreane cambiano atteggiamento e trasformano la politica di inimicizia contro il nord in una politica di riconciliazione e alleanza con il nord, i rapporti tra nord e sud diverranno rapporti di fiducia e riappacificazione e si aprirà una nuova fase per l'unità e la riunificazione nazionali. Le autorità sudcoreane devono cambiare la loro politica di inimicizia contro il nord in una politica riconciliatrice di alleanza col nord da un punto di vista patriottico e intraprendere la via della riconciliazione e dell'unità nazionali. In Corea del Sud devono essere abolite le leggi fasciste e i meccanismi che ostruiscono l'unità della nazione e la riunificazione del paese e ogni tipo di barriera politica va rimosso.

La nostra posizione sulle autorità sudcoreane è chiara.

Abbiamo contrastato i vari governanti della Corea del Sud non perché stavano al potere. Ci siamo opposti alla loro politica di dipendenza dalle forze straniere, alle loro politiche contro la riunificazione e al loro tradimento verso il paese e la nazione. Se le autorità sudcoreane prendono una posizione patriottica, una posizione di unità in alleanza col nord, lavoreremo con loro per forgiare il destino della nazione.

Per la grande unità della nostra nazione, dobbiamo respingere il dominio e l'interferenza delle forze straniere e combattere i traditori della nazione e le forze contrarie alla riunificazione colluse con esse.

Il dominio e l'interferenza delle forze straniere sono il principale ostacolo all'unità della nostra nazione e alla riunificazione del paese. Il nostro paese è stato diviso in nord e sud dalle forze straniere e non è stato ancora riunificato a causa del loro dominio e delle loro interferenze. Dividere e dominare altre nazioni è un tipico metodo utilizzato dagli imperialisti. In spregio all'esigenza della nostra nazione di riunificarsi e muovendosi in direzione contraria alla tendenza dell'era dell'indipendenza, gli Stati Uniti perseguono come sempre la loro ambizione di mantenere la nostra nazione divisa per sempre e di dominarla. Essi aggravano la situazione fomentando antagonismi e discordie in seno alla nostra nazione, istigando le autorità sudcoreane allo scontro coi loro compatrioti, continuando a mantenere truppe in Corea del Sud e incrementando incessantemente le esercitazioni di guerra e il rafforzamento degli eserciti.

Sotto l'istigazione e la manipolazione delle forze straniere, i vari governanti sudcoreani hanno costruito il muro della divisione, hanno intensificato l'antagonismo politico e militare tra il nord e il sud, represso il popolo sudcoreano che vuole l'indipendenza, la democrazia e la riunificazione nazionale, e fatto ricorso a ogni mezzo per dividere e disintegrare le forze patriottiche e democratiche che lottano per la riunificazione.

Senza combattere contro il dominio e le interferenze delle forze straniere e della divisione in patria e all'estero, sarebbe impossibile realizzare l'unità tra il nord e il sud, la grande unità della nazione e la riunificazione del paese.

Tramite una lotta di tutta la nazione contro il dominio e le interferenze delle forze straniere, ogni coreano nel nord, nel sud e all'estero deve sradicare tutto ciò che ostacola l'unità nazionale e la riunificazione. Deve altresì lanciare una lotta risoluta contro le politiche anti-riunificazione e le manovre di divisione nazionale ad opera dei traditori della nazione, che collaborano con le forze straniere per la loro ricchezza e il loro potere personali senza alcun riguardo per i destini del paese e della nazione.

Le forze patriottiche e democratiche che combattono per la riunificazione devono aumentare la vigilanza contro le subdole macchinazioni degli elementi divisivi volte a tracciare solchi e a disintegrare e contrastarli con la forza dell'unità. Tutti i partiti politici, le organizzazioni, le personalità pubbliche e le genti di ogni strato sociale che amano il paese e la nazione e aspirano alla riunificazione devono considerare la grande causa dell'unità nazionale e della riunificazione come l'esigenza suprema, rafforzare la loro unità, continuare a espandere le fila dei patrioti per la riunificazione e organizzarle su una base solida.

Per la grande unità della nazione tutti i coreani nel nord, nel sud e all'estero devono scambiarsi visite reciproche, mantenere i contatti, promuovere il dialogo e rafforzare la solidarietà.

Promuovere visite, contatti, dialoghi e solidarietà ad ampio raggio tra i nostri compatrioti è un mezzo importante per conseguire la grande unità della nazione. Sebbene vi siano differenze nelle ideologie, negli ideali, nelle vedute politiche e nei credo religiosi all'interno della nostra nazione, i compatrioti possono costruire una comprensione e una fiducia reciproche e incanalare la loro volontà e i loro sforzi per l'obiettivo comune se tutti loro viaggiano liberamente, mantengono contatti e dialoghi e rafforzano la solidarietà. Custodendo i nobili ideali di grande unità e riunificazione nazionali, ogni nostro compatriota nel nord, nel sud e all'estero deve impegnarsi per realizzare viaggi, contatti, dialoghi e solidarietà organizzativa.

Il dialogo tra il nord e il sud deve servire all'unità nazionale e alla riunificazione. Nessuno deve usare il dialogo al fine di perseguire obiettivi politici disonesti o di perpetuare la divisione del paese. Il dialogo va mantenuto sul principio di dare la priorità agli interessi comuni della nazione, eliminando la sfiducia e l'antagonismo tra il nord e il sud e subordinando tutto alla riunificazione del paese.

Il dialogo non deve essere appannaggio di pochi uomini nelle alte sfere o di una particolare classe o strato. Dev'essere un dialogo inclusivo e nazionale che rifletta le opinioni di tutti i partiti politici, i gruppi e i settori sociali. Al dialogo devono partecipare i rappresentanti di tutti i partiti politici e le organizzazioni sociali comprese le autorità, insieme alle personalità pubbliche e le persone di ogni ceto nel nord, nel sud e tra i compatrioti d'oltremare. Si devono promuovere dialoghi bilaterali e multilaterali e negoziati di ogni tipo.

La grande unità di tutta la nazione sarà realizzata e consolidata nel corso dello sviluppo di azioni comuni di solidarietà nella lotta per la riunificazione nazionale. Tutti i partiti politici, le organizzazioni e i compatrioti nel nord, nel sud e all'estero devono sostenersi e mantenersi al passo, agendo in comune nell'opera di riunificazione del paese.

La lotta della nostra nazione per la riunificazione indipendente e pacifica del paese sta ora entrando in una nuova fase storica. Il cammino verso la riunificazione è ancora irto di ostacoli e difficoltà, ma siamo ottimisti circa il suo futuro. La nostra nazione è una, e lo è anche il nostro paese. La nostra nazione conseguirà senz'altro la sua grande unità sotto la bandiera della riunificazione.

Sono convinto che l'intera nazione, tra nord, sud ed estero, realizzerà la storica causa della riunificazione attraverso uno sforzo unito nella nostra generazione, conformemente alle istruzioni del grande Leader compagno Kim Il Sung sulla riunificazione nazionale.


Kim Jong Il, Opere scelte, vol. 14, Edizioni in Lingue Estere, Pyongyang 2014, pagg. 382-96 ed. ing.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sulle idee del Juché

Per una giusta percezione del nazionalismo

Insegnamenti storici della situazione cecoslovacca